CON IL LEGNO ANTICO REALIZZIAMO…I PAVIMENTI PIÙ BELLI, I PIÙ RICERCATI, I PIÙ RAFFINATI

original

I materiali per la produzione del parquet in castagno Antico sono prevalentemente assi e travi  recuperate recuperate nella pedemontana veneto friulana.
Il Castagno ha un aspetto naturale rustico nodato dalle grosse fibrature.

Riproposto in tavolato massello o su prefinito dall’ aspetto vissuto, nella tonalità dei vecchi travi antichi dei casali, rende questo parquet un pavimento di particolare bellezza

shapeimage_9 (1)

Monografia del Castagnocastagno ombra

NOMI BOTANICI

Castanea sativa Mill. sin:
Castanea vescaGaertn.
Appartiene alla famiglia delle Fagaceae.

NOMI COMMERCIALI

Sweet chestnut, spanish chestnut  Gran Bretagna
Edelkastanie Germania
Chataignier Francia
Europees Kastanje Olanda
Castano Spain
Castagno Italia

Assi in Castagno prima e dopo la lavorazione

P1070216

AREALE DI CRESCITA

Il castagno è originario dell’ Asia, ma è da tempo coltivato in tutta l’Europa mediterranea, con estensioni che arrivano fino all’Inghilterra meridionale.
In Italia la sua distribuzione geografica è delimitata dalla zona climaticoforestale detta appunto del Castanetum che va dalla fascia montana alpina e si estende fino alla Sicilia.

CARATTERISTICHE TECNOLOGICHE

Alburno e durame sono nettamente distinti. L’alburno è stretto e di colore bianco-giallastro, ed il durame ha un colore bruno chiaro, nel legno fresco, che tende con il tempo a scurirsi. Ha un aspetto che ricorda vagamente la quercia, di cui non presenta mai però le caratteristiche specchiature.
La tessitura è grossolana, con fibratura diritta. L’albero è molto longevo e raggiunge dimensioni notevoli, tuttavia a causa degli innesti e delle potature per la migliore produzione dei frutti, difficilmente si trovano degli alberi con crescita e conseguente sviluppo della parte legnosa, regolare.
Spesso i vecchi tronchi sono notevolmente deteriorati alla base o addirittura cavi.
Il durame è piuttosto durevole e resiste bene agli attacchi di funghi ed insetti ed anche al fuoco.

ESSICCAZIONE

L’essiccazione è piuttosto lenta, tende a fessurarsi e a deformarsi, con possibilità di collasso.

PESO SPECIFICO

Essiccato all’aria il suo peso specifico medio è di 600 Kg/ m3

USI PRINCIPALI E LAVORAZIONE

Coltivato principalmente per i suoi frutti, il castagno fornisce pure un ottimo legno da opera e da lavoro. Resiste bene alle intemperie, ed è quindi adatto per costruzioni all’aperto. I polloni trovano impiego quali palerie. Viene utilizzato per listoni da pavimenti, mobili rustici, travature, traversine ferroviarie, daghe, serramenti e se ne ricavano anche delle impiallacciature decorative.
Il legno è ricco di tannino utilizzato per la concia delle pelli.

AVVERTENZE

Vi sono altre varietà di castagno dalle caratteristiche similari a quello f.!uropeo: il C. americano (C. dentat,a, C. pumila) , il C. giapponese (C. crenata).
Non va invece confuso con l’ippocastano (genere Aesculus famiglia delle Hippocastanaceae) che dà un legno dalle caratteristiche differenti.